Constellations of satellites for Optical Earth Observations

Being able to access maps of any part of the globe updated on daily basis whenever necessary could have important benefits for scientific reason as well as for better emergencies evaluations.

Constellations can avoid one of the most common problems with Earth Optical Observations from satellite. Clouds covering a region and blocking the view. If there’s one single satellite that passes over a region every 30 days and there’s a cloudy day it may be necessary to wait till next time the satellite will be above the same region, 30 days later. Doubling the observation time for many applications is not acceptable.

Most of the time different satellite operators, from different countries, may share data solving the problem, perhaps with only some days of delay.

Why is the update frequency of the maps important?

Agricultural improvements. Instead of receiving data once each month, being able to access information everyday on crops and soil condition that may allow farmers to deal with droughts more efficiently increasing the overall productivity.

Emergencies like earthquakes, floods, forest fires, humanitarian crisis etc. All these need rapid information in order to coordinate the emergency teams more efficiently. For example in case of earthquakes or floods it could be possible to identify places with major damage or obstacles that could slow emergency teams.

Planet Labs is a company that works with a constellation of optical satellites (Doves) many about 10x10x30 cm in size. They manage to create maps of the whole globe updated on daily basis. Gallery of some of their photos from space.

Annunci

Tropomi e il monitoraggio della qualità dell’aria a partire dal 2016

Tropomi è uno strumento sviluppato dall’Olanda. Verrà portato in orbita a bordo del satellite Sentinel-5 Precursor con data di lancio prevista per il 2016 dal sito Plesetsk, nel nord della Russia. Questo si aggiungerà alla famiglia di satelliti Sentinel del programma Copernicus. E’ prevista una missione della durata di 7 anni durante la quale il satellite effettuerà analisi sulla qualità dell’aria globale individuando i maggiori siti di inquinamento del pianeta con una risoluzione di 7x7km e una cadenza giornaliera.

Tropomi gasses

Perché è importante la qualità dell’aria?

I cambiamenti climatici sono un tema molto attuale. Numerosi studi sostengono la responsabilità dei gas serra generati da attività umana nell’alimentare il fenomeno del riscaldamento globale. Capire quali sono i siti a maggior inquinamento, seppur a livello di città, permetterà di concentrare gli sforzi sulle aree più a rischio.

Il benessere e la felicità non possono esistere a prescindere dal rapporto che si instaura con l’ambiente nelle sue componenti: flora e fauna. La sostenibilità delle risorse è un tema fondamentale per il futuro e la preservazione della specie umana.

La salute può risentirne in alcuni casi in maniera drammatica. L’atmosfera offre una protezione contro la radiazione solare. La presenza di alcuni gas può determinare un indebolimento del filtro naturale atmosferico. Alcuni gas serra (es. ossidi di azoto) invece a determinati livelli risultano particolarmente tossici per gli essere umani portando a gravi malattie quali il cancro.

Siti da consultare:

Home

Esplorare Europa, satellite naturale di Giove

La missione Europa Clipper 

E’ una missione della NASA prevista per il 2025 (probabile anche qualche anno prima) che intende studiare Europa, un satellite naturale del pianeta Giove. Sembra che sotto la crosta ghiacciata di Europa vi possa essere un oceano di acqua liquida. Questa ipotesi si basa sulla mancanza di crateri da impatto e numerose fratture nella crosta, che indicano una superficie attiva in grado di rimodellarsi. L’oceano sembra poter contenere più acqua di tutta quella presente sulla Terra, anche se Europa è un corpo celeste con un raggio medio di solo 1560 km, solo leggermente inferiore a quello della Luna.

Strumenti a bordo della sonda:
Radar – misurare lo spessore della crosta ghiacciata e determinare la profondità dell’ipotetico oceano liquido. Spettrometro ad infrarosso – determinare la coposizione dei materiali contenuti nella crosta superficiale del satellite. Fotocamera topografica – scattare foto ad alta risoluzione sella superficie. Spettrometro di massa – analisi delle molecole contenute nella tenue atmosfera. Continua a leggere

Titano, gli effetti dell’assenza del campo magnetico rilevati dalla sonda Cassini

La missione Cassini-Huygens (NASA-ESA) lanciata il 15 ottobre 1997 ha lo scopo di studiare il sistema composto da Saturno, gli anelli e i suoi satelliti. E’ composta dall’orbiter Cassini, che ha a disposizione numerosi strumenti di misura tra cui telecamere che operano nelle lunghezze d’onda della luce visibile, infrarosso ed ultravioletto.

Raggio medio:
Terra 6367,4 km
Titano 2575,5 km
Luna 1737,5 km

Nel mese di dicembre 2013 la sonda Cassini è riuscita a registrare il particolare momento in cui Titano è rimasto fuori dalla magnetosfera del “pianeta madre”. Prima di allora Titano è sempre stato osservato Continua a leggere