InSight e l’analisi della struttura interna di Marte nel 2016

Sonda per l’esplorazione del sottosuolo di Marte, costruita dalla Lockheed Martin. Trovare attraverso l’analisi della struttura interna del pianeta la risposta alla domanda: Come sono nati i pianeti di tipo roccioso, come la Terra, del sistema solare interno?

Lancio previsto per il mese di Marzo 2016 e arrivo sul pianeta a Settembre dello stesso anno. Alcuni importanti strumenti:

  • SEIS strumento necessario per l’analisi sismologica. Mappare la struttura interna del pianeta con particolare attenzione all’attività presente nel sottosuolo marziano.
  • HP³ strumento necessario per analisi termica. Ricostruire la storia del pianeta dal punto di vista della temperatura. Utilizzato anche per misurare il calore rilasciato dal pianeta attraverso l’utilizzo di una sonda posizionata a 5 metri nel terreno.
  • RISE analisi delle oscillazioni dell’asse di rotazione del pianeta dovute all’interazione con il Sole. Aiutare a ricostruire meglio la stratificazione interna del pianeta, in particolare del nucleo stimando la sua massa attraverso l’analisi della resistenza inerziale del pianeta. RISE sarà utilizzato anche per determinare la posizione del lander misurando l’effetto doppler del collegamento radio.

***

http://insight.jpl.nasa.gov/home.cfm

Il volo aerostatico degli Zeppelin e dei dirigibili moderni

Sia il volo della mongolfiera che quello del dirigibile si basano sui principi dell’aerostatica. A differenza degli aerei che sfruttano le caratteristiche dinamiche dell’aria il volo del dirigibile sfrutta le proprietà fisiche dei gas. Un gas “più leggero” dell’aria circostante che, nello stesso modo di una bolla d’aria in un bicchiere d’acqua, tende a salire verso l’alto.

Sembra che in Cina conoscessero già da tempo le condizioni necessarie per il volo aerostatico ma non si hanno prove di voli con equipaggio umano. Le prime testimonianze storiche indicano che i primi voli avvennero a Parigi nel 1783 grazie ad un pallone aerostatico costruito dal francese Mongolfier. Questo apri la strada verso la conquista del cielo da parte dell’uomo. Ciò nonostante questa tecnologia presenta alcuni punti deboli. La direzionalità del pallone è affidata alla bravura del pilota nell’interpretare le correnti atmosferiche. L’unico modo per controllare una mongolfiera è variando la quota.

L’idea del dirigibile nacque verso la fine ‘800. L’aria calda utilizzata nelle mongolfiere viene sostituita Continua a leggere

Scudi termici e necessità di gestione della temperatura in sistemi aerospaziali

Quando serve uno scudo termico?

Alcuni sistemi aerospaziali devono lavorare ad elevatissime velocità, situazioni in cui l’attrito tra atmosfera e veicolo non sono più trascurabili, e altri invece devono svolgere compiti nello spazio dovendo far fronte alla radiazione. Nasce così la necessità di controllare la temperatura del sistema per non danneggiare il payload, che può essere di natura umana o strumentale.

Ambiti di utilizzo

Aerei come il noto Lockheed SR-71 Blackbird hanno per esempio bisogno di uno scudo termico. L’SR-71 è un’aereo spia americano degli anni ’60 che operò durante la Guerra Fredda e fino al 1989. Raggiungeva una altitudine di 26 000 m circa e velocità in quota superiori a Mach 3 (tre volte la velocità del suono a quella quota). Continua a leggere

Esplorazione interplanetaria con Orion e SLS

Riproduzione grafica del veicolo Orion. Crediti foto: NASA
Riproduzione grafica del veicolo spaziale Orion.  Crediti foto: NASA

Orion è un nuovo progetto della NASA che riguarda la costruzione di un veicolo spaziale che possa sostituire lo Shuttle guidando gli Usa nella nuova era dell’esplorazione dello spazio. Una volta ultimate le prove sarà in grado di portare l’uomo ad esplorare asteroidi (catturati in orbita lunare) oltre che tornare sulla Luna in previsione di un futuro lavoro di costruzione della prima base lunare, ammesso che ci siano le risorse nel futuro per farlo.

La società scelta per guidare il progetto è la Lockheed Martin. Il primo volo di prova senza equipaggio è avvenuto il 5 dicembre 2014, della durata di qualche ora con una massima altitudine raggiunta di 5800 km. Il vettore utilizzato per portare Continua a leggere