Possibile utilizzare un velivolo drone per l’esplorazione di Marte?

Nell’atmosfera di Marte si ha a che fare con una pressione al suolo 100 volte inferiore a quella terrestre. La temperatura media è di -47 °C. Condizioni simili a quelle presenti nella stratosfera terrestre. Quindi un eventuale velivolo capace di volare nella stratosfera sarebbe un ottimo candidato per l’atmosfera di Marte.

Attualmente Airbus Perlan è un aliante ancora in fase di sviluppo che prevede il raggiungimento di 100.000 piedi di quota cioè 30 km circa. In passato sia U-2 che SR-71 arrivavano a rispettivamente 21 e 25 km circa di quota.

Avendo a che fare con pressioni 100 volte più basse il velivolo dovrà essere notevolmente più veloce per generare la stessa forza di sostentazione che avrebbe avuto con un atmosfera più densa. Inoltre non potrà raggiungere quote elevate perché l’atmosfera marziana già al suolo è molto rarefatta. La concentrazione di 95% di CO2 comporta l’impossibilità di utilizzare i tradizionali motori aeronautici terrestri.

Inoltre il decollo resterà una fase critica in quanto dovrà avvenire a velocità elevate in assenza di una struttura adeguata.

Considerato il ritardo nelle comunicazioni con Marte che può arrivare a svariati minuti il sistema deve autogestirsi sia per quanto riguarda il controllo del volo sia per quanto riguarda la connessione radio con gli orbiter.

Queste caratteristiche rendono il velivolo drone non adatto per l’esplorazione di lunga durata e con grande precisione del suolo marziano.

Annunci

Commenta:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...