Sulla scelta dei pannelli solari

Energia assorbita dalle utenze

Si deve determinare quanta energia è effettivamente necessaria per soddisfare la richiesta di un’abitazione oppure di una piccola azienda. Ogni apparecchio presenza un consumo sotto forma di potenza assorbita espressa in Watt¹. Sapendo per quanto tempo sarà in funzione si possono determinare i kWh (chilowattora)¹ consumati. La somma di tutti questi kWh calcolati per ogni singolo apparecchio determinerà la richiesta energetica dell’abitazione/azienda riferita ad un particolare periodo, in genere un anno ma anche la sola giornata.

E_{richiesta}=  \sum_{k=1}^{n}P_{k}t_{k}

Determinare il numero dei pannelli

La potenza fornita dal Sole per metro quadro dipende dalla latitudine e dalle condizioni climatiche del posto in cui ci si trova. All’incirca per l’Italia si passa in media da 1200 kWh/m² a nord fino a 1500 kWh/m² al sud di energia annua. Dati estrapolati dalla mappa Solargis per l’Europa.

Pannelli_{numero} =  \frac{\left (P_{Sole}\cdot \eta _{pannello}\cdot \eta_{batterie} \right )t_{esposizione}}{E_{necessaria}}

Dove per P(Sole) si intende la radiazione perpendicolare effettivamente utile. Un dato che può essere ottenuto consultando delle mappe online (di solito a pagamento) oppure stimata misurandola in vari momenti della giornata e in stagioni diverse (studi precedenti riferiti all’area in questione).

Stima dei costi

I costi ovviamente dipendono da molti fattori diversi: il tipo di pannello solare; la ditta che si occuperà dell’installazione; il posizionamento dei pannelli per massimizzarne le prestazioni; costi burocratici vari.

Costo_{totale}=pannelli+batt.+install.+manut.-incentivi

Se l’impianto prevede il montaggio di batterie queste avranno un determinato costo e il loro numero dipenderà dall’energia che si decide di accumulare. Al posto delle batterie si può decidere si collegare l’impianto alla rete centralizzata per vendere parte dell’energia. La manutenzione potrebbe essere già inclusa nella garanzia dei pannelli oppure in una polizza assicurativa stipulata per proteggersi in caso di eventi ambientali estremi. Eventuali incentivi da parte dello stato rappresentano invece un alleggerimento dei costi che l’utente deve affrontare.

Determinare la convenienza

Per determinare l’effettiva convenienza si confronta il costo annuo dell’impianto, cioè il costo totale suddiviso per il numero di anni di prevista operatività, con il totale delle bolletta elettrica annua. Se anche il costo del fotovoltaico fosse maggiore si deve tenere presente che il prezzo dell’energia elettrica varia nel tempo. Siccome si prevede che il costo dell’energia salirà nel tempo, è possibile che l’impianto fotovoltaico diventi via via sempre più economico.

Ma oltre alle condizioni economiche, chi sceglie le energie rinnovabili guarda soprattutto all’ambiente e alla sua preservazione per il futuro.


1. I kWh indicano una quantità di energia mentre i kW indicano una potenza (1 kWh = 1 kW * 1 ora)

 

Annunci

Commenta:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...