Possibili problemi per l’economia italiana legati alla situazione libica e ucraina

I recenti sviluppi negativi della situazione libica con l’infiltrazione di elementi dell’Isis fa preoccupare l’Italia per la sicurezza del proprio territorio. Ma al di là di queste preoccupazioni, l’Italia è un paese grande importatore di fonti energetiche fossili. Produce circa 3/4 dell’energia elettrica attraverso fonti fossili che importa per una buona parte proprio dalla Libia attraverso il gasdotto Greenstream. Si parla di almeno un 15% che l’Italia potrebbe perdere se gli impianti dovessero cadere nelle mani delle persone sbagliate.

A questo si aggiungono le difficoltà europee dovute alle tensioni con la Russia per la situazione ucraina. L’Italia rischia di trovarsi con un’economia che fatica per via della crisi e con un settore energetico non proprio stabile. L’attuale prezzo basso del petrolio non è realistico in quanto basato su un confronto internazionale mirato a combattere la concorrenza di altri paesi e sistemi alternativi di estrazione. Prima o poi i prezzi torneranno a salire, andando a correggere le previsioni di ripresa dell’economia finanziaria di certi paesi, soprattutto quelli con un economia che dipende dal settore energetico.

E’ comunque difficile dire come evolverà la situazione, quindi le precedenti considerazioni potrebbero benissimo non essere realistiche.

 

Annunci

2 thoughts on “Possibili problemi per l’economia italiana legati alla situazione libica e ucraina

  1. fausto 25/02/2015 / 22:23

    La Libia traballa da anni. Agli altri costi aggiungerei l’eventuale ondata di profughi. Piacevolezze del fetente impero in cui viviamo.

    • FlavioTS 25/02/2015 / 23:09

      non so se sia giusto catalogare i profughi tra i “costi”. Sono persone che il paese dove vengono accolti deve saper trasformare in una risorsa. In fondo ci sono anche italiani che emigrano e non sarebbe bello se qualcun altro li catalogasse semplicemente come “costo”.

      certo è una situazione complicata e il nostro “impero” ha tante colpe. La soluzione ora come come ora è abbastanza complicata tanto che nessuno è riuscito a trovarne una di cui sia sicuro.

Commenta:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...