Esplorare Europa, satellite naturale di Giove

La missione Europa Clipper 

E’ una missione della NASA prevista per il 2025 (probabile anche qualche anno prima) che intende studiare Europa, un satellite naturale del pianeta Giove. Sembra che sotto la crosta ghiacciata di Europa vi possa essere un oceano di acqua liquida. Questa ipotesi si basa sulla mancanza di crateri da impatto e numerose fratture nella crosta, che indicano una superficie attiva in grado di rimodellarsi. L’oceano sembra poter contenere più acqua di tutta quella presente sulla Terra, anche se Europa è un corpo celeste con un raggio medio di solo 1560 km, solo leggermente inferiore a quello della Luna.

Strumenti a bordo della sonda:
Radar – misurare lo spessore della crosta ghiacciata e determinare la profondità dell’ipotetico oceano liquido. Spettrometro ad infrarosso – determinare la coposizione dei materiali contenuti nella crosta superficiale del satellite. Fotocamera topografica – scattare foto ad alta risoluzione sella superficie. Spettrometro di massa – analisi delle molecole contenute nella tenue atmosfera.

La missione ha già richiesto fino al 2015 un costo di circa 100 milioni di dollari. La Casa Bianca ha di recente inserito altri 30 nel budget NASA 2016, per il quale però è ancora richiesta l’approvazione del Congresso.Il progetto Europa Clipper prevede una sonda che orbiterà il pianeta Giove e non il satellite Europa che verrà invece esaminato durante i 45 passaggi (flyby) previsti in 3 anni. Il più vicino dei quali a una quota di 25 km con lo scopo di analizzare l’atmosfera rarefatta del satellite.

Perché studiare Europa?

Europa è per dimensioni il quarto satellite di Giove (satelliti medicei) e suscità interesse perché è fin’ora l’unico oggetto che con buona probabilità potrebbe contenere acqua allo stato liquido. L’acqua liquida è considerata come elemento imprescindibile per lo sviluppo della vita. Pertanto Europa è un ottimo candidato per la dimostrazione di questa ipotesi perché è anche l’unico che possiamo raggiungere. Gli altri pianeti per cui è stata ipotizzata l’esistenza di acqua liquida si trovano tutti in sistemi stellari diversi.
Gli obiettivi più strettamente scientifici sono in realtà l’analisi della struttura del satellite, già osservato in precedenti missioni, in modo da capire come mai alcuni pianeti hanno oceani che sono riusciti a conservare e altri che forse hanno avuto la superficie coperta di acqua che hanno perso.

Oltre la missione americana anche i Russia pianifica per il 2020 una missione analoga chiamata Europa Lander che oltre a studiare Europa si interesserà anche ad altri satelliti medicei.


 

JPL Europa Clipper http://www.jpl.nasa.gov/missions/europa-clipper/

Annunci

One thought on “Esplorare Europa, satellite naturale di Giove

Commenta:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...